IL SEXTING NON È AMORE

(MERITI DI PIÙ)

SEXTING?

Il termine sexting si compone delle due parole inglesi “sex” e “texting”, e indica lo scambio, tramite Internet o cellulare, di selfie intimi o di foto o video altrui ripresi personalmente. Il materiale può essere accessibile a una persona specifica, o a un gruppo, attraverso messaggi o social media.

In Italia il 50% dei ragazzi ha ricevuto dei "sext".
Il 40% li ha inoltrati.

RISCHI

Il principale pericolo del sexting è la rapidità con cui i contenuti sono diffusi e, in seguito, l’impossibilità di eliminarli.

Basta un “touch” per rendere pubblici video o immagini compromettenti che rimarranno in rete per sempre. Anche se sono stati inviati consapevolmente ­– a una persona di fiducia o su pressione del gruppo – se cadono nelle mani di persone malintenzionate e/o se la loro diffusione diventa virale, possono causare grande sofferenza alla vittima.

HAI AVUTO UN RICHIESTA DI SEXTING? MANDAGLI QUESTO...👇

SCOPRI ALTRE GRAFICHE

REVENGE PORN

Il revenge porn (“porno-vendetta”) consiste nel pubblicare foto e video compromettenti di ex partner senza il loro consenso.
La pubblicazione ha lo scopo di umiliare la persona coinvolta per ritorsione o vendetta.

Per questo motivo, le immagini sono spesso accompagnate da informazioni grazie alle quali è possibile identificare il soggetto ritratto, per esempio aggiungendo nomi o posizioni geografiche, e persino link che riconducono al profilo social della vittima, al suo indirizzo di casa o della scuola.

CHE COSA FARE?

Se qualcuno ti mette sotto pressione per ricevere da te foto o video di carattere sessuale, stai subendo una molestia. Per esempio: “Se mi ami, inviami una foto che ti ritrae nuda”. L’abuso è punibile e può essere denunciato. Copiare e pubblicare a tua insaputa foto, testi o registrazioni di una webcam è vietato ed è eventualmente punibile.

Se sei tu la vittima di questo tipo di abuso, hai le seguenti possibilità:

– Chiedi alla persona che ti sta molestando di cancellare la foto;
– Dille che se non lo farà ricorrerai alla polizia postale;
– Rivolgiti a una persona di fiducia: i tuoi genitori o il tuo insegnante per denunciare l’accaduto.

Se ricevi contenuti impropri:

– Cancella le foto o i video che hai ricevuto e non diffonderli. Di’ al mittente che si tratta di un’azione pericolosa;
– Se riconosci la persona ritratta nelle foto, cerca di esserle di sostegno;
– Rivolgiti a una persona adulta e di fiducia per denunciare l’accaduto.

RICERCA IL VERO AMORE

Chi ama è paziente, pieno di bontà. Chi ama non fa niente di indecoroso, non cerca il proprio interesse, né si ricorda dei torti che subisce. Chi ama soffre per le ingiustizie, ma gioisce quando la verità viene a galla. Chi ama è pronto a scusare ogni cosa, a sperare in ogni cosa, a sopportare ogni cosa. L’amore vero vince sempre… questa è la sfida.